Cerca

Il regno dei fiori

Post by

Nardea - L'avventura della libertà Capitolo 4

Nardea lasciò l’alveare, sotto lo sguardo invidioso e sprezzante delle api gialle. A lei non importava; ciò che le dava forza, slancio e, soprattutto, le riempiva il cuore di gioia erano la fiducia della Regina e l’amore per il suo alveare. La giovane ape aveva la certezza che nella vita le “api grandi” sono quelle che hanno passione per ciò in cui credono e vivono ciò che dicono.

Nardea, dopo aver volato tra i rami delle maestose querce e dei possenti castagni, giunse nel REGNO DEI FIORI.

Come le aveva annunciato la regina Solitudo si presentarono davanti a lei:

la Margherita

il Dente di Leone

la Viola

Nardea ebbe un leggero turbamento: quello stato d’animo che

La Regina Solitudo

Post by

Nardea - L'avventura della libertà Capitolo 3

Nardea rimase in attesa. Non trascorse molto tempo che una delle api ispettrici ritornò e, sempre con tono scostante e minaccioso, pronunciò: “La regina Solitudo è pronta a riceverti!”. Nardea ebbe un sussulto e tentò di indietreggiare, ma le guardie la bloccarono all’istante.

Il nome della Regina le incuteva paura. Le sorveglianti, al reparto speciale, pronunciavano spesso quel nome per intimorire le api nere e far loro rispettare la dura legge. Nardea, come ogni ape nera, si era fatta l’immagine della Regina come di un’ape dal cuore duro e crudele.

Le api ispettrici aprirono la porta dorata e trascinarono Nardea attraverso un grande atrio che immetteva negli appartamenti reali. Le pareti erano ornate di fregi e ricoperte da sottile polline dorato.

Finalmente, Nardea arrivò

In giro per l’alveare

Post by

Nardea - L'avventura della libertà Capitolo 2

Le urla di Zanzi risuonavano per tutto il reparto speciale. A Nardea il cuore batteva forte. Quante volte aveva sognato quel momento ed ora, che il sogno si stava avverando, sentiva tanta paura. La giovane ape era decisa a portare a termine la sua impresa. Udì degli strani suoni provenire da dietro una delle pareti del lungo corridoio; Nardea si alzò sulle punte delle piccole zampe e guardò da una piccola fessura.

Nardea vide, per la prima volta, un’infinità di api gialle al lavoro: c’erano api che depositavano il polline e il nettare in piccole celle, altre lo lavoravano freneticamente, altre ancora lo trasformavano in miele e, infine, altre che lo trasportavano in appositi contenitori. La giovane ape era meravigliata dal ritmo frenetico con

Il reparto speciale

Post by

Nardea - L'avventura della libertà Capitolo 1

Il sole, regalando a piene mani i raggi dorati, illuminava il bosco di querce e castagni, in cima ad una piccola montagna della val Seriana. Nel bosco regnava ancora una profonda quiete, interrotta di tanto in tanto dal canto allegro di qualche uccello mattiniero. Nel tronco di una forte e vecchia quercia c’era un grande alveare. E qui inizia la storia che stiamo per raccontare.

Nell’alveare abitava uno sciame di api tutte gialle.

Quando, per qualche misterioso disegno, alcune api nascevano nere venivano subito rinchiuse in un reparto speciale. Le api nere erano controllate a vista, con il divieto assoluto di uscire dal reparto.

Le api nere, infatti, erano considerate api inferiori e venivano scartate e allontanate dal resto dell’alveare, perché ritenute

Se la castità aiuta a conoscersi

Post by
Da ragazzina, mia madre mi parlava del valore della verginità e mi diceva di aspettare con pazienza l’uomo della mia vita. Questo concetto, col tempo, è diventato scontato per me: solo colui che avrei sposato avrebbe dovuto avermi anima e corpo. Negli anni, però, qualcosa è cambiato. Non conoscevo nessuno che la pensasse così. Anzi, a detta di tanti, non era necessario aspettare il matrimonio per vivere l’intimità: la sessualità era un modo per conoscersi, per far crescere la coppia. Per anni sono stata confusa, sospesa tra l’educazione ricevuta e gli stimoli esterni, che invece mi invogliavano a provare, a “lasciarmi andare”. Quando avevo venti anni sono capitata ad un incontro; il titolo era “alla sorgente della purezza”. Una coppia di sposi, con tre figli, portava la propria testimonianza: “Prima di unirci,
Back to Top